INDEX RIFERIMENTO

 

ENIO HOME PAGE

 

MUSEO DI SCIENZE

 

MUMMIE BIOMEDICO

 

MONUMENTO CADUTI

 

MONUMENTO CHIETI

 

81°COMPLEANNO

 

Il Presepe Vivente a Chieti, dell'anno 2007right

a Chieti

 

Il Presepe Vivente - Sabato 06 Gennaio 2007  
 


Poco importa che la cometa non sia stata quella della tradizione, ma un fascio di luce azzurra che bucava l’oscurità del cielo: il fascino del presepe vivente è sempre lo stesso nonostante gli anni che passano. Per questa edizione, la dodicesima, alla sacra rappresentazione appassionati e curiosi sono stati come sempre diverse migliaia che hanno sostato estasiati davanti  alla capanna dove la Sacra Famiglia li attendeva. Quest’anno la capanna è stata collocata, non in piazza San Giustino, ma sotto l’arco di Porta Pescara, dove ci si ferma qualche minuto dopo aver visitato nei vari vicoli riproducenti le atmosfere di allora e a dispetto della tecnologia onnipresente, evocavano sempre le antiche suggestioni. L’ingresso quet'anno era situato in piazza Umberto I e poi via via  le scene si sono susseguite tra guarnigioni romane, “quadri” biblici, momenti di vita contadina. Da piazza De Laurentiis a piazza Malta, da largo Moricorvo a via Paradiso era tutto un vociare di grandi e piccini, un fiume di gente che si muoveva rispettoso e curioso. Tanti i negozi sono rimasti aperti ma non hanno turbano l’atmosfera che era scaldata dalle luci e dalle fiaccole. E’ andata bene, anche quest’anno, 
 

 

    

grazie all’associazione Teate Nostra, al Comune, alla Curia, a centinaia fra figuranti e volontari e a tutti quelli che ci hanno creduto ancora una volta e continueranno speriamo, per la città di Chieti a crederci. I mestieri di una volta sono stati rappresentati con eccezionale veridicità e somiglianza grazie anche agli strumenti di una volta messi a disposizione delle comparse che ce la mettevano tutta ad utilizzarli e sembrava di essere proiettati nel passato.  Il presepe vivente si è svolto con la soddisfazione di tutti, seguendo il percorso tradizionale degli altri anni e l’atmosfera era resa ancora più suggestiva da una musica che trasmessa in filodiffusione ci ha accompagnato lungo tutto il percorso. Il momento più emozionante lo si prova davanti alla capanna della Natività, che quest'anno è stata realizzata dal Circolo la "Madonna del Freddo", da dove provenivano anche Giuseppe (Mauro Miscia, studente 18 nne), Maria (Tania Petrocco, studentessa 17 nne) ed il Bambinello (il piccolo Paolo Orlandi, di soli tre mesi).
 

 

Cliccando sulle immagini se ne ottengono le stesse ingrandite

 

 

 

 

INDICE DI RIFERIMENTO ENIO HOME PAGE  NEXT PAGE  

 

 
  

  Return to Top    

Antonio@Enio